Silvoterapia, quando abbracciare gli alberi fa bene al corpo, alla mente e all’anima

Io sono, noi siamo, tutti siamo

Silvoterapia, quando abbracciare gli alberi fa bene al corpo, alla mente e all’anima

 

silvo

 

 

Avete mai provato ad abbracciare un albero? La silvoterapia consiglia di fare proprio questo per garantire un’istantanea e duratura condizione di benessere psico-fisico grazie all’energia che le piante sono in grado di trasmettere al nostro organismo.

IMG_1782Silvoterapia: che cos’è ?

La Silvoterapia (dal latino silva che significa bosco, selva) è una pratica, anche nota con il nome anglosassone di tree hugging, che spiega come potersi rigenerare attraverso abbracci avvolgenti con la natura: interlocutori privilegiati di questo contatto sono, appunto, gli alberi facenti parte del nostro 2 piano di esistenza assieme a tutte le vitamine, piante, fate ed elementali.

Considerata ormai a pieno titolo una scienza, la silvoterapia è stata riconosciuta come tale nel 1927, per quanto fosse già da secoli come metodo di prevenzione e terapia naturale.

Chiaramente silvoterapia significa anche passare un certo periodo prolungato tra alberi e lontani dallo stress giornaliero e smog cittadino: esclusivamente immersi nella natura; tutto ciò è fortemente raccomandato in modo particolare a chi soffre di asma bronchiale, bronchite, ipertensione arteriosa, ansia e insonnia.

Consigliata a persone di qualunque età, la silvoterapia è adatta specialmente ai nostri bambini che, beneficiando del verde e ritrovandosi a godere di spazi naturali non sempre accessibili o sfruttati nel quotidiano, ricavano dall’esperienza ripercussioni positive tanto sulla loro capacità cognitiva e di concentrazione, quanto sulla loro creatività.

 

elenamonte

 

Abbracciare gli alberi

Pensate che questo tipo di “effusioni” non facciano per voi? Gli esperti consigliano, in alternativa, di sedersi a terra a contatto con l’albero per circa venti minuti, appoggiando la schiena al tronco e posizionando la mano destra nella zona del plesso solare, mentre la mano sinistra andrà a toccare la pianta dietro di voi, in corrispondenza della zona dei reni.

 IMG_1788

Proprietà e benefici della silvoterapia

Alcuni testi antichi fanno riferimento ai Libri del Tao e illustrano questa pratica sostenendo che maggiore è l’espansione dell’albero, maggiori sono le sue doti curative.

Le differenti caratteristiche delle varie piante corrispondono ad altrettante virtù capaci di agire su diverse problematiche psico-fisiche.

Secondo queste teorie, infatti, il cipresso può ad esempio ridurre la sensazione di calore, l’olmo calma la mente, l‘acero allevia il dolore, il biancospino favorisce la digestione…così via potremo dilungarci in un elenco senza fine aggiungendo anche le proprietà dei Fiori di Bach….ma il senso reale è proprio quello di ricaricarsi per lo squilibrio che ognuno ha e di apportare l’energia di madre terra là dove ognuno di noi ha bisogno.

La ricetta è semplicissima: passeggiare…lasciarsi andare…e abbracciare l’albero che vi chiama…abbracciare quella pianta che ha assonanza con voi, abbracciare e amare quel posto come prolungamento del vostro corpo e così insieme in amore poter equilibrare l’energia esattamente dove ognuno ha bisogno, occorre l’intenzione e la libertà dalla mente, il resto è flusso.

 

IMG_1798

 

In epoca più recente, la scienza che ha studiato questa antica arte ha scoperto che i benefici proverrebbero dagli ioni negativi prodotti dagli alberi. La ionizzazione negativa dell’aria crea una sensazione generale di rilassamento corporeo, un abbassamento della pressione sanguigna e della frequenza respiratoria, migliora le capacità di attenzione, normalizza la funzione neurale, disintossica il corpo, facilita il rilassamento, aumenta la capacità polmonare e l’assimilazione della vitamina B e C.

 

IMG_1807

 

Perché aspettare dunque? Non resta che uscire di casa, cercare l’albero più vicino e sperimentare in prima persona i vantaggi di una terapia naturale, a portata di mano e senza controindicazioni.

Abbracciare un albero per sentirsi meglio è il consiglio base della silvoterapia. La silvoterapia indica sia di abbracciare gli alberi in modo naturale per avvicinarci al loro tronco, sia di sederci al loro fianco, appoggiando la schiena proprio sul tronco e posizionando la mano destra nella zona del plesso solare, mentre la mano sinistra andrà dietro la schiena, a contatto tra il nostro corpo e l’albero, in corrispondenza della zona dei reni.

Con silvoterapia non si intende soltanto la pratica di abbracciare un albero, ma anche il soggiorno in luoghi boschivi, che viene proposto in particolare a chi soffre di asma bronchiale, bronchite cronica, ipertensione arteriosa, nervosismo e insonnia.
La silvoterapia viene indicata sia per le persone sane, come prevenzione delle malattie, sia nelle persone malate, come aiuto e supporto nella guarigione. Le persone sane possono praticare la silvoterapia in modo attivo, cioè camminando, correndo o facendo sport nei boschi. Possiamo praticare questo tipo di silvoterapia ogni giorno, oppure quando siamo in vacanza o nel fine settimana.

murgia

 

Respirare l’aria dei boschi è considerato un rimedio davvero benefico, dato che attiva la circolazione sanguigna, aumenta il numero di globuli rossi, facilita la respirazione nei malati polmonari cronici, favorisce il sonno e contribuisce a ritardare l’invecchiamento. L’aria dei boschi è benefica perché contiene notevoli quantità di ioni negativi di ossigeno, che aiutano a stimolare e armonizzare i processi vitali e la sfera psichica e emozionale.

Inoltre, trascorrere del tempo a contatto con gli alberi e con la natura è una fonte di energia vitale. Alcuni alberi vengono considerati in grado di fornire energia positiva. Tra questi troviamo tiglio, pino, quercia, castagno, acero, frassino, salice e acero. Ognuno nella silvoterapia può scegliere l’albero che sente più suo, magari ispirandosi ai significati che i Celti hanno attribuito agli alberi.

murgia1

ulivi

Il significato degli alberi secondo i Celti

Betulla: simbolo di rinascita, purificazione, conoscenza e purezza.
Ontano: simbolo di protezione spirituale e potere oracolare.
Salice: richiama gli aspetti lunari e femminili della vita e dell’ispirazione poetica.
Frassino: simbolo iniziazione e rinascita.
Biancospino: simbolo di purezza, viaggi interiori e intuizione.
Quercia: simbolo di potere, energia e sopravvivenza.
Nocciolo: invita alla meditazione, incoraggia saggezza interiore, intuizione, potere di divinazione.
Melo: d’aiuto quando si deve prendere una decisione importante.
Pruno selvatico: utile in caso di azioni forti, di influenze esterne a cui è necessario obbedire.
Sambuco: simbolo di vita e rigenerazione.

Nei tempi antichi la silvoterapia era legata alle forze e alle energie che l’uomo poteva cercare e trovare nei boschi. In passato la natura era la vera e unica medicina. La scienza nel corso del tempo a confermato i benefici del tempo trascorso a contatto con la natura e con gli alberi.

Ognuno di noi ha sperimentato su se stesso quanto possa essere benefica una passeggiata in un bosco o in un parco. E allora, quando possiamo, non dimentichiamo di passeggiare nel verde, ancora meglio in un bosco, e di abbracciare il nostro albero preferito per sentire tutta l’energia che può trasmetterci.

Volete sperimentare la Silvoterapia ? dalla prossima primavera organizzeremo diverse uscite immersi nella natura, facendo meditazioni camminate e ascoltando dentro di noi recependo da madre terra…per essere sempre informato sulle nostre iniziative gratuite e a pagamento iscriviti alla newsletter!!!

face