Tra teatralità e terapia verbale al sapore di Fiori di Bach

Io sono, noi siamo, tutti siamo

Tra teatralità e terapia verbale al sapore di Fiori di Bach

Lecce, 18/09/2016

Presso le OFFICINE CANTELMO a Lecce, la Scuola di Naturopatia del Salento ha organizzato un seminario con la dott.ssa Gabriella Mereu, esperta terapeuta olistica, ideatrice della sua Terapia Verbale, dove la cura della malattia avviene attraverso la parola, talvolta con l’ausilio dei Fiori di Bach e le tavole di Kramer.

maga_magoLa Mereu attraverso un cocktail di diverse discipline si santifica come l’unica, vera e autentica conduttrice della guarigione e autoguarigione dei clienti, innalzandosi con grande autostima e ironia a guaritrice assoluta, anche con la sola sua presenza (perchè così ha detto al seminario): praticamente una Maga Magò in carne ed ossa.

Ma vediamo come si svolge il seminario con la “meravigliosa e magnifica e splendida e unica” dott.ssa Mereu.

La Mereu, donna dalla grande autostima e coraggio, ha creato di sè un personaggio teatrale e dalle doti di guarigione “impressionabili” grazie alla sua visione di guarigione, ai suoi seguaci e ai media che l’hanno resa famosa in tutto lo stivale, specie in questo periodo storico, più la sai “raccontare” e più sei seguita…ma in realtà alla Mereu le manca un ingrediente fondamentale, vedremo quale.

Avvolta da carisma e conoscenza approccia con il suo metodo nella fantastica cornice barocca di Lecce, addomesticando e coinvolgendo un pubblico gremito e affascinato dal suo show comico con alcune nozioni scientifiche, psicomagiche e blasfeme.

Con l’aiuto del pubblico conduce il suo show tra studio grafologico, cenni di psicosomatica e consigli di rimedi con Fiori di Bach attraverso l’ausilio delle tavole di Kramer, nel mezzo ci ha deliziato di scenette con tanto di mimo e voci imitate, se non fosse stato un seminario di medicina olistica sarebbe stato un show incredibile, degno dei programmi tipo Zelig o Colorado.mereu-naturopatia-puglia

In ogni modo la dott.ssa Mereu ci ha donato tanti approcci differenti sull’uso dei Fiori di Bach, infatti nel finale ha retto 15 minuti di botta e risposta tra sintomo e rimedio floreale o psicosomatico, tale che nel mezzo affermava “Tanto le so tutte, ho avuto tutti i casi…” approccio che si discosta molto dalle terapie olistiche che cambiano da persona a persona, sembra quasi aver voluto convertire il rimedio allopatico al fiore di Bach.

Ecco questa la descrizione in breve di come è andata la sceneggiata del seminario della Terapia Verbale, tant’è vero che ai teatri dopo lo spettacolo non consegnano neanche un attestato di partecipazione, cosa differente dei vari seminari frequentati, anche quelli GRATUITI, si è sempre ricevuto un Attestato di Partecipazione…per quel che può servire.

Quello che è mancato a questo seminario è stato il cuore, è stato l’amore…tutto così freddo e sarcastico allo stesso tempo. Il principio fondamentale delle scienze olistiche è ritornare ad essere un tutt’uno con l’universo, un tutt’uno con se stessi e con il prossimo; per raggiungere tale obiettivo occorre l’amore e nient’altro…e per usare le parole della Mereu, tutto il resto “m’annoija” con tanto di cadenza sarda.

Il palco crea un distacco tra la platea e il commediante, poi chiaramente è al commediante lasciarsi amare donando amore, quello che ho visto è stato uno sfoggio di conoscenze e pseudoconoscenze che voleva impressionare il pubblico, ho visto una mezza copia malriuscita di Jodorowsky. La stessa Mereu ha ammesso di utilizzare le tecniche di Jodorowsky ma si chiedeva anche come mai lo Jodorowsky non utilizzi la sua Terapia Verbale…chissà come mai…Chiaro perchè lei è la maga Magò e lui è solo uno psicomago, un briciolo rispetto a lei.

La scena del teatro? Beh platea gremita, davvero in tanti sono accorsi ad assistere a tale spettacolo, credo invece che in pochi lo rifarebbero, perchè per 50 euro ci sono spettacoli molto più interessanti senza nozioni di medicina ma con un cuore grande! Quindi non raccomandiamo questo show, anzi….però chiaramente ognuno può decidere di vedere e sentire dal vivo per farsi un’idea.

Punteggio teatrale? solitamente si mettono le stelline, no?
stelle

 

 

 

Mereu Naturopatia Puglia